stromboli magie sailing.jpeg
zetaproject
zetaproject_logo

Via G. Cavallini 1A - 36027 Rosà (VI) | info@zetaproject.net

Progettazione Meccanica Automazioni Industriali
Progettazione Meccanica
Progettazione Macchine Industriali
Conversione Disegni 2D in 3D

Progettazione e Digital Manufacturing
 

Project Management
Studio di fattibilità
Problem solving    
Documentazione Tecnica 
Servizi Aggiuntivi

R.E.A.  VI-403061

P. IVA IT04423470246

 

SI RICEVE SOLO SU APPUNTAMENTO

 

Via G. Cavallini 1A

36027 Rosà (VI)

Tel 0424.1890.363

info@zetaproject.net

 

 

Via G. Cavallini 1A

36027 Rosà (VI)

Tel 0424.1890.363

info@zetaproject.net

 

 

Gli ultimi articoli dal Blog

logo solidworks zetaproject bassano vicenza treviso padova

linkedin
whatsapp

linkedin
whatsapp

Veneto: Ricerca e Sviluppo Collaborativi

2022-05-04 10:56

author

Veneto: Ricerca e Sviluppo Collaborativi

SCHEDA DI RIEPILOGO RICERCA E SVILUPPO COLLABORATIVI

SCHEDA DI RIEPILOGO RICERCA E SVILUPPO COLLABORATIVI

BENEFICIARI

Aggregazioni di imprese composte da ameno 3 (tre) imprese.

È ammessa la partecipazione all’aggregazione delle grandi imprese in misura non superiore al 30% delle imprese che compongono l’aggregazione.

L’aggregazione composta nel numero minimo di 3 imprese potrà quindi annoverare la sola partecipazione di imprese di dimensione micro, piccola e media (PMI)

Aggregazioni ammesse:

a) Contratto di rete

b) Consorzio con attività esterna, Società consortile, Società cooperativa.

c) Associazione Temporanea di Scopo (ATS) comprendente, in aggiunta al numero minimo di 3 (tre) imprese, uno o più organismi di ricerca partecipanti al progetto.

L’aggregazione deve obbligatoriamente prevedere per l’intera durata del progetto, a pena di non ammissibilità, il coinvolgimento di almeno un organismo di ricerca con un’unità operativa attiva in Veneto.

AGEVOLAZIONE

40% a fondo perduto per le PMI

20% a fondo perduto per le imprese di grande dimensione.

Per gli organismi di ricerca partecipanti all’aggregazione mediante adesione all’atto di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) e con unità locale di realizzazione delle attività di progetto situata in Veneto, il sostegno è concesso nella forma di contributo a fondo perduto dell’intensità del 40% della spesa ammessa e sostenuta.

La spesa del progetto deve essere compresa tra l’ammontare minimo di euro 150.000,00 e il limite massimo di euro 700.000,00.

Le relative attività di R&S devono svolgersi dalla data di avvio del progetto (giorno successivo alla data di presentazione della domanda) e fino al termine ultimo corrispondente al giorno 30/08/2024

INTERVENTI AMMISSIBILI

Il progetto deve rientrare in almeno uno dei seguenti ambiti di cui alle definizioni comunitarie di seguito riportate:

a) «Ricerca industriale». Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità, da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o apportare un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Essa comprende la creazione di componenti di sistemi complessi e può includere, se ciò è necessario ai fini della ricerca industriale, in particolare ai fini della convalida di tecnologie generiche, la costruzione di prototipi in ambiente di laboratorio o in un ambiente dotato di interfacce di simulazione verso sistemi esistenti e la realizzazione di linee pilota. Non è ammissibile a finanziamento lo sfruttamento industriale dei risultati della ricerca per la produzione di prodotti standardizzati (prodotti di massa) attraverso l’utilizzo di tecnologie esistenti.

b) «Sviluppo sperimentale». L’acquisizione, la combinazione, la strutturazione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati. Rientrano in questa definizione anche altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione di nuovi prodotti, processi o servizi. Rientrano nello sviluppo sperimentale la costruzione di prototipi, la dimostrazione, la realizzazione di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati, effettuate in un ambiente che riproduce le condizioni operative reali laddove l’obiettivo primario è l’apporto di ulteriori miglioramenti tecnici a prodotti, processi e servizi che non sono sostanzialmente definitivi. Lo sviluppo sperimentale può quindi comprendere lo sviluppo di un prototipo o di un prodotto pilota utilizzabile per scopi commerciali che è necessariamente il prodotto commerciale finale e il cui costo di fabbricazione è troppo elevato per essere utilizzato soltanto a fini di dimostrazione e di convalida. Lo sviluppo sperimentale non comprende tuttavia le modifiche di routine o le modifiche periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione e servizi esistenti e ad altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino
miglioramenti.

Il progetto deve essere coerente con il “Documento di Strategia Regionale della Ricerca e l’Innovazione” in ambito di Specializzazione Intelligente – RIS3 Veneto, riferirsi ad uno tra gli ambiti di specializzazione Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing e Creative Industries, tenuto conto dei settori tradizionali e trasversali ivi definiti e ad una o più tra le traiettorie di sviluppo e tecnologiche previste per l’ambito di specializzazione selezionato. Il progetto deve anche identificare lo sfruttamento di una o più tecnologie abilitanti micro e nano elettronica, ICT, materiali avanzati, biotecnologie industriali, fotonica, nanotecnologie e sistemi avanzati di produzione – e individuare uno o più driver
dell’innovazione.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili al sostegno le spese direttamente imputabili al progetto, relative ad attività svolte presso unità operative localizzate in Veneto dei partecipanti all’aggregazione, sostenute e pagate dagli stessi componenti, che rispettano il principio della congruità della spesa.

Ad eccezione del caso di aggregazione costituita attraverso contratto di rete dotato di soggettività giuridica (c.d. rete soggetto), ciascuna impresa componente l’aggregazione deve sostenere spese per un ammontare compreso tra il 10% e il 50% della somma di spesa sostenuta da tutte le imprese che compongono l’aggregazione. La somma delle spese sostenute dagli organismi di ricerca che aderiscono all’ATS non può essere superiore al 30% del totale della spesa ammessa al sostegno.

Sono ammissibili le seguenti categorie specifiche di spesa:
a) Conoscenze e brevetti: costi per le conoscenze (quali, ad esempio, spese per acquisizione di risultati di ricerca) e i brevetti acquistati o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato. Tali spese sono ammissibili limitatamente alla durata del progetto e in proporzione all’uso effettivo degli attivi immateriali nell’ambito del progetto medesimo. Rientrano in questa voce anche le licenze di software specificatamente utilizzate per la realizzazione del progetto.
b) Strumenti e attrezzature: costi sostenuti per nuove attrezzature tecnico-specialistiche; tali spese sono ammissibili limitatamente alla quota di ammortamento o al costo della locazione semplice/operativa (noleggio) o alla locazione finanziaria (leasing) per la durata del progetto e in proporzione all’uso effettivo delle attrezzature o macchinari nell’ambito del progetto.
c) Consulenze specialistiche e servizi esterni di carattere tecnico-scientifico: utilizzati esclusivamente per l’attività del progetto, quali ad esempio consulenze o servizi informatici, consulenze tecniche o scientifiche, prove di laboratorio e attività di prototipazione, nonché i costi per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova.
d) Personale dipendente: spese relative al personale dipendente dei partecipanti all’aggregazione per la realizzazione delle attività collaborative di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. Il personale deve essere in possesso di qualifica tecnica coerente con le attività tecniche per le quali viene utilizzato nel progetto. In ogni caso, non sono
ammissibili le spese relative al personale amministrativo, contabile, commerciale, di segreteria e di magazzino e sono escluse le ore dedicate alla rendicontazione e alla diffusione o disseminazione dei risultati di progetto. Rientrano in questa categoria ulteriori figure professionali riferite agli organismi di ricerca secondo quanto disciplinato nell’Allegato D al presente bando. L’ammontare delle spese del personale non può superare il 50% della spesa totale del progetto. Per questa categoria di spesa il costo orario è calcolato mediante l’utilizzo della tabella dei costi standard riportata nell’Allegato D “Modalità operative di rendicontazione”.
e) Spese per la realizzazione di prototipi: spese relative ai materiali (componenti e semilavorati) e alle lavorazioni direttamente imputabili alla realizzazione del prototipo o impianto/linea pilota. Sono ammissibili i materiali di consumo utilizzati per l’eventuale validazione del funzionamento del prototipo o impianto/linea pilota. Il prototipo o impianto/linea pilota deve essere ordinariamente localizzato in Veneto presso l’unità locale di uno dei partecipanti all’aggregazione. Per motivi tecnici, che dovranno essere chiaramente descritti nel progetto, sarà consentita la localizzazione del prototipo o impianto/linea pilota anche altrove, purché ubicati in spazi resi disponibili all’aggregazione proponente in virtù di specifici accordi documentati e conformi alla normativa vigente, fermo restando la localizzazione sul territorio della regione Veneto.
f) Spese generali supplementari e altri costi di esercizio: nella quota di costo forfettario quantificato nel 10% delle spese sostenute sulla categoria d) “Personale dipendente” riguardo al singolo partecipante. Tali spese sono riferite esclusivamente ai costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto.
g) Spese per garanzie e di costituzione dell’ATS: per eventuali garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi (Confidi), purché relative alla fideiussione o garanzia di cui all’articolo 15, comma 6, lettera a) e le spese notarili connesse alla costituzione dell’associazione temporanea di scopo (ATS) ai fini del perfezionamento dell’aggregazione.

 

CUMULABILITA’

 

Le agevolazioni previste dal presente bando non sono cumulabili con altri aiuti di Stato concessi per le medesime spese incluse le agevolazioni concesse sulla base del Regolamento “de minimis”.

 

Salvo il rispetto dei limiti previsti dalle norme nazionali, è possibile il cumulo sulle stesse voci di spesa degli aiuti previsti dal presente Bando con agevolazioni fiscali statali non costituenti aiuti di Stato in quanto applicabili alla generalità delle imprese (ad esempio il “Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali” di cui alla legge 30 dicembre 2020, n. 178).

 

SCADENZE

 

L’apertura dei termini per la compilazione e la presentazione della domanda di sostegno è prevista il giorno 25/01/2022 e sarà attiva fino alle ore 17.00 del giorno 28/02/2022.

Bando a graduatoria di merito che verrà pubblicata entro il 30 giugno 2022.

 

Tratto da: https://www.reteagevolazioni.it/ricerca-e-sviluppo-collaborativi/

 

 

 © 2022 Zetaproject - Tutti i diritti sono riservati Cookie Policy - Privacy Policy - SiteMap

 © 2022 Zetaproject - Tutti i diritti sono riservati Cookie Policy - Privacy Policy - SiteMap

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui nostri servizi? Clicca qui.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder